• 040365343
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A Simone Cristicchi, quale segno di riconoscenza del Comune di Trieste per lo spettacolo Magazzino 18, lucida e delicata testimonianza dei dolorosi trascorsi delle nostre genti”. 
E’ questa la dedica, incisa nella targa ufficiale del Comune, che il sindaco Roberto Cosolini ha consegnato oggi (martedì 12 novembre) a Simone Cristicchi, nel corso dell’incontro, svoltosi nel salotto azzurro del palazzo municipale, presenti tra gli altri il vicesindaco Fabiana Martini, l’assessore Elena Marchigiani, il presidente del Provincia Maria Teresa Bassa Poropat, il presidente del Teatro Stabile Milos Budin con il direttore Antonio Calenda, il vicepresidente del Consiglio comunale Alessandro Carmi, i consiglieri comunali Roberto Decarli, Patrik Karlsen, Paolo Rovis, Giovanni Coloni, Manuela Declich, Salvatore Correli, nonché numerosi rappresentanti delle principali Associazioni legate al mondo dell’Esodo istriano, fiumano e dalmata.


“L’attestazione di stima, gratitudine e affetto per una persona che a Trieste e alla sua comunità ha dato qualcosa d’importante” è stata ribadita dal sindaco Cosolini che ha evidenziato anche “l’emozione straordinariamente positiva Magazzino 18”, conclusa con “un applauso finale che è stato liberatorio, come se si fosse tolto un peso su una vicenda triste, dolorosa e drammatica, oggetto di rimozione, divisione e giustificazionismi”. “Abbiamo fatto un ulteriore passo avanti –ha detto ancora il sindaco- che ora sarà proposto alla comunità civile del nostro Paese”. Il primo cittadino ha infine ringraziato Cristicchi a nome della città, “per la scelta, per il coraggio e anche per essere riuscito a superare i momenti difficili prima del debutto”, per aver realizzato uno spettacolo “con rispetto, delicatezza, talento autentico e tanta voglia di futuro”. 
Ringraziando il sindaco per il riconoscimento della città, “mi sembra –ha detto Simone Cristicchi- di aver vissuto un sogno quella settimana”, che non si sarebbe realizzato senza l’aiuto di tante persone, alcune anche presenti nell’incontro odierno. In particolare Cristicchi ha voluto ricordare “l’atto di coraggio del Teatro Stabile”, l’onore di aver potuto lavorare con “un folle visionario” come il direttore Antonio Calenda, che l’ha guidato e l’ha fatto diventare attore, l’apporto prezioso del presidente Milos Budin, ma soprattutto, quando pensavo di abbandonare, “la mia mamma che, dal suo letto di sofferenza in ospedale, mi ha detto che dovevo andare a Trieste a fare Magazzino 18” e che anche lei potrà ora vedere il prossimo anno. Infine Simone Cristicchi ha voluto ringraziare anche Piero Delbello, “la persona che mi ha aperto le porte del Magazzino 18” e sono tanti i teatri e soprattutto le scuole in Italia stanno chiedendo di poter vedere “Magazzino 18”.

Il comunicato stampa e le foto provengono dalla rete civica del Comune di Trieste.

Pubblichiamo l'articolo di Andrea Giovannini apparso il 22 ottobre su Triesteprima.it

In una serata mite, con il centro di Trieste che vive la sua tranquillità, al Politeama Rossetti l’aria è frizzante.

Si notano le file alle entrate e i soliti ritardatari in cerca di parcheggio. Va di scena oggi, la prima dello spettacolo di Simone Cristicchi “ Magazzino 18 “.

Polizia, carabinieri e altri reparti sono presenti fuori dal teatro, mentre parecchi volti noti della politica nostrana, quali Roberto Di Piazza, Paolo Rovis e altri, entrano con relative consorti.

Fuori, sempre nell’attesa dell’inizio dello spettacolo, tra cameraman e fotografi che immortalano bandiere dell’Istria e della Dalmazia, qualcuno distribuisce una fotocopia delle parole di Va Pensiero, come se ci fosse un patto non pubblicizzato che alla fine della serata, in platea, si canti la famosissima terza parte del Nabucco di Verdi.

Si spengono le luci e abbia inizio lo spettacolo, solo, in mezzo al palco, appare Simone Cristicchi, preparatissimo, emozionato, ma decisamente accattivante con quel suo modo spensierato di raccontare.

Lui è un tale Persichetti, dipendente romano del ministero degli interni inviato a fare il resoconto di quello che si trova all’interno del magazzino 18 nel porto vecchio di Trieste. Ricordando un po’ affari tuoi, il protagonista ripercorre al telefono la storia di quelle vecchie mercanzie, raccontando al misterioso dottore di Roma le sensazioni e i malinconici contenuti di una delle più dolorose storie d’Italia.


Il Presidente dell’Unione degli Istriani Massimiliano Lacota ha convocato una conferenza stampa, che avrà luogo giovedì 24 ottobre 2013 alle ore 10.00 presso il Politeama Rossetti (Caffè Rossetti), viale XX Settembre 45 a Trieste, indetta per precisare meglio le ragioni delle perplessità manifestate da gran parte del mondo dell’esodo alla vigilia della prima dello spettacolo “Magazzino 18” di Simone Cristicchi, e per evidenziarne il pieno e meritato successo.
Alla conferenza stampa interverranno il Presidente della Lega Nazionale avv. Paolo Sardos Albertini ed il Presidente dei Dalmati di Trieste, on. Renzo de’ Vidovich.

La Federazione Grigioverde di Trieste, nel momento in cui nella nostra Trieste si assiste ad una crescente disaffezione per l'Italia sconfinante nella perdita di coscienza nazionale, propone, in sintonia con la Lega Nazionale, baluardo storico dell'italianità delle terre Giulie, di esporre il Tricolore ad ogni finestra delle nostre abitazioni a far data dal 26 ottobre, anniversario del ritorno dell'Italia a Trieste, fino al 4 Novembre, ricorrenza del raggiungimento dei confini naturali.

Eventuali esigenze di Bandiere possono essere rappresentate alla "Grigioverde" (Casa del Combattente, 4° p. stanza 19 Tel 040 660287), oppure alla Lega Nazionale (Via Donota 2, Tel 040 365343)

Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

I Giovani della Lega nazionale

 

 

Vuoi partecipare alle nostre attività? Vuoi collaborare con la Lega nazionale? Ha i voglia di portarci le tue idee, di mettere a frutto le tue capacità?

 

carto3pic

 

Il gruppo Giovani (18 ai 35 anni) si incontra

presso la sede di Via Donota 2

scrivici o chiamaci!