• 040365343
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'IRREDENTISMO

L'unico termine politico italiano adottato anche sul piano internazionale per descrivere fenomeni analoghi, comuni a molti altri Stati, è quello di "irredentismo"; un termine dal sapore quasi religioso, ispirato dalla "religione della Patria" tipica del Risorgimento.

Il fenomeno dell'irredentismo ebbe una fondamentale importanza nella storia continentale in quanto, mentre due imperi secolari come quello asburgico e quello ottomano andavano progressivamente incontro alla dissoluzione sulla spinta delle rivendicazioni nazionali, esso era destinato a costituire l'elemento esplosivo che avrebbe fatto crollare l'Europa degli Stati a favore dell'Europa delle Nazioni.


GLI IRREDENTI: EROI DIMENTICATI
Il ricordo di quei ragazzi e uomini che, nela Grande Guerra, rischiando la pena di morte, hanno disertato dall'esercito austroungarico per combattere in quello italiano

2008-10-23-caporettoRiproponiamo il testo della conferenza del Generale di Brigata degli Alpini Tullio Vidulich

La Grande Guerra - da Caporetto a Vittorio Veneto
Novanta anni fa tra lutti e gioie fiorì la pace

L’attacco austro-tedesco sferrato il 24 ottobre 1917 sull’alto Isonzo in corrispondenza di Plezzo, Caporetto e Tolmino, nel giro di pochi giorni, aveva costretto l’esercito italiano a ripiegare rapidamente sulla sponda destra del Piave con il fine di arrestare la potente offensiva avversaria,
Gli austro-tedeschi, imbaldanziti dai brillanti risultati raggiunti e avendo una netta superiorità di forze e di armamento, 53 divisioni contro 35, decisero di proseguire l’offensiva con l’obiettivo di perseguire la completa  distruzione dell’esercito italiano.


Autorità, Associazioni Patriottiche, Fratelli Esuli, Cittadini !
Esattamente sessanta anni fa, in Trieste, Guido SLATAPER fondava la “Federazione Grigioverde”, Sodalizio che indirizzando e armonizzando l’azione delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma che la costituiscono, ha contribuito in maniera rilevante a tutelare il bene più prezioso di questa città: il suo attaccamento alla Patria Italiana.


La militarizzazione dell'Anteguerra (1861 - 1915)

Negli anni precedenti alla Grande Guerra, l'intero corso del fiume Tagliamento venne potentemente fortificato dall'esercito italiano. Tale piazzaforte, che constava di circa quaranta siti corazzati lungo un' ampia area imperniata sul maggiore fiume friulano, era la conclusione del Progetto di Difesa dello Stato, il quale si proponeva offrire ai confini d'Italia una stabile "cerniera" difensiva.


"Carlo Stuparich: un eroe da riscoprire"

Il 30 maggio del 1916 il sottotenente Carlo Stuparich, che avrebbe compiuto 22 anni il successivo 3 agosto, è al comando del 3° plotone della 14a Compagnia del 4° Battaglione del 1° Reggimento della Brigata Granatieri di Sardegna, attestato sul ciglione del Monte Cengio, là dove esso digrada sulla Val Silà; da alcuni giorni egli vi si trova di avamposto in un' "umida grotta" e da lì ha sentito "il bisogno di comunicare e ricordare" inviando il 27 una cartolina ad un'amica; da essa sappiamo che la pioggia insistente e continua gli fa per contrasto venire in mente l'estate ed il mare tanto amato.


Medaglia d'oro al Valor Militare alla memoria

 


Lettera testamento di Nazario Sauro ai figli
(Capodistria 20.9.1880 - Pola 10.8.1916)


Caro Nino,
Tu forse comprendi od altrimenti comprenderai fra qualche anno quale era il mio dovere d'italiano.
Diedi a te, a Libero ad Anita a Italo ad Albania nomi di libertà, ma non solo sulla carta; questi nomi avevano bisogno del suggello ed il mio giuramento l'ho mantenuto. Io muoio col solo dispiacere di privare i miei carissimi e buonissimi figli del loro amato padre, ma vi viene in aiuto la Patria che è il plurale di padre, e su questa Patria, giura, o Nino, e farai giurare ai tuoi fratelli, quando avranno l'età per ben comprendere, che sarete sempre, ovunque e prima di tutto italiani,
I miei baci e la mia benedizione.

Papà

Dà un bacio a mia mamma che è quella che più di tutti soffrirà per me, amate vostra madre! e porta il mio saluto a mio padre.


Nel 1907 il poeta Gabriele d'Annunzio visitava Ia città di Capodistria e nella poesia "La Loggia", compresa nella raccolta "Alcione - Sogni di terre lontane", definiva Ia nostra cittadina "Capodistria, succiso adriaco fiore". Ricordava inoltre di aver veduti appesi ai travi della loggia di un palagio nidi di balestrucci, tra mazzi penduli di sorbe. Immagina di vedere questi rondinotti, a stormi, unirsi in liberi voli negli spazi luminosi dell'Adriatico, a quelli di Pirano, di Parenzo, di Chioggia.


Riportiamo i 3 temi premiati al concorso bandito dall'Assoarma e alcune immagini della premiazione.

I PREMIO: Natalie SMREKAR, Classe III G – Scuola Secondaria di Primo Grado “Divisione Julia”

II PREMIO: Francesca RINALDI, Classe III C – Istituto Comprensivo “A. Bergamas”

III PREMIO: Aurelia SELIMI, Classe III C – Istituto Comprensivo “A. Bergamas”


Nell’isola dalmata di Curzola, il giorno 18 giugno 1887 nasceva Michele Depolo. Dai genitori fu allevato nella lingua italiana con la caratteristica parlata dialettale veneta poiché quelle isole sono state amministrate dalla Repubblica di Venezia per quasi 500 anni. Dopo la caduta di Venezia, la Dalmazia fu assegnata alla Monarchia Austro-Ungarica.


Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

I Giovani della Lega nazionale

 

 

Vuoi partecipare alle nostre attività? Vuoi collaborare con la Lega nazionale? Ha i voglia di portarci le tue idee, di mettere a frutto le tue capacità?

 

carto3pic

 

Il gruppo Giovani (18 ai 35 anni) si incontra

presso la sede di Via Donota 2

scrivici o chiamaci!