• 040365343
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì 25 Novembre 2013 alle ore 18.00 presso la sala riunioni dell'UGG in Via Rismondo 2 a Gorizia (1°piano), inaugurazione della mostra storico-fotografica: "La Lega Nazionale rende omaggio agli Ultimi Martiri del Risorgimento: Trieste 1945 - 1953", Medaglie d'Oro al Merito Civile.

Per l'occasione, dopo l'introduzione del Presidente della Lega Nazionale di Gorizia Luca Urizio, interverrà il Presidente della Lega Nazionale di Trieste Sardos Albertini e saranno presentate le pubblicazioni:

- GLI ULTIMI MARTIRI DEL RISORGIMENTO di Michele Pigliucci (volume presentato dal politologo Ivan Buttignon)

- LA LEGA NAZIONALE E I RAGAZZI DEL '53 di Paolo Sardos Albertini e Piero Delbello (volume presentato dallo storico Lorenzo Salimbeni)

Verrà inoltre proiettato un video testimonianza dell'Istituto Luce sui fatti della Rivoltà di Trieste.

La mostra sarà visitabile presso la Sala del Caminetto dell'UGG in Via Rismondo 2 a Gorizia e rimarrà aperta fino a lunedì 2 Dicembre alle ore 11.00.

Mercoledì 20 novembre 2013 alle ore 18.00 presso la Sala della Torre Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, in via Carducci 2 a Gorizia, la Società Cooperativa Consortile Grande Guerra FVG Sentieri di Pace presenterà l'iniziativa "Verso il Centenario". Interverranno i rappresentanti dei Soci fondatori, coordinati da Paolo Scandaletti.

Nel sessantesimo anniversario della rivolta di Trieste del novembre 1953, che provocò morti e feriti tra la popolazione scesa in piazza per ribadire la propria italianità, l'Associazione Culturale "Novecento" organizza la proiezione del mediometraggio "Novembre. Le giornate di Trieste" lunedì 18 novembre alle ore 20:00 presso il Café Rossetti, in Viale XX Settembre 45 a Trieste.
Il filmato, prodotto dall'Associazione Novecento stessa insieme a Divine Films nel 2004, riguarda le vicende di Corso, disilluso cineoperatore fiorentino, il quale si muove con la sua macchina da presa attraverso la Trieste in subbuglio dei primi di novembre del 1953 appunto. Conosce così Lorenzo, studente e ardente sostenitore della causa italiana, la sua fidanzata Anna ed il giovane Mario, poco più che tredi cenne. Quando la polizia apre il fuoco sulla folla inerme,a Corso manca la forza per continuare a girare. Perduta la sua scorza di cinismo, si ritrova cambiato, stanco di documentare la violenza di cui si nutre un sistema in cui i giochi delle grandi potenze si oppongono alle ragioni ed alle aspirazioni della gente, schiacciandole.

Giovedì 7 novembre 2013 alle ore 18.00 nella sede della Lega Nazionale, via Donota 2 (III piano) a Trieste, "IN PIAZZA PER L'ITALIA - L'associazionismo patriottico e il ruolo della destra nei moti del 1953". Interverranno gli autori del libro "Trieste a Destra", Pietro Comelli (giornalista) e Andrea Vezzà (ricercatore storico), e Piero Delbello (direttore Irci). Introdurrà l'incontro l'avvocato Paolo Sardos Albertini, Presidente della Lega Nazionale.

 

 

Riportiamo l'articolo firmato da Michele Pigliucci e pubblicato su lacitta.eu

http://www.lacitta.eu/cultura-lazio/48-cultura/15486-trieste-non-avrebbe-mai-accettato-alcuna-bandiera-allinfuori-di-quella-italiana.html

Tra il 1948 e il 1954 Trieste rimase contesa fra l'Italia, che aveva perso la guerra, e la Jugoslavia guidata da Tito, che non si accontentava di possedere l'Istria e la Dalmazia e rivendicava il possesso del capoluogo giuliano.

Fu in questo contesto che, nei giorni fra il 3 e il 6 novembre 1953, la popolazione di Trieste scese in piazza per rivendicare la propria italianità.

Grandi manifestazioni attraversarono la città occupata dagli angloamericani sventolando bandiere tricolori. Ma la polizia civile decise di sequestrare il vessillo tricolore dei manifestanti causando così l'esplosione di violenti scontri: i manifestanti difesero la propria bandiera e i poliziotti inglesi spararono sulla folla, uccidendo sei persone e ferendone decine.

Si trattò di una rivolta popolare grazie alla quale il mondo capì che Trieste non avrebbe mai accettato alcuna bandiera all'infuori di quella italiana: nel 2004 il Presidente della Repubblica Ciampi ha conferito ai caduti la medaglia d'oro al merito, quali ultimi martiri del Risorgimento nazionale.

Alcune immagini di queste giornate sono reperibili su questi video dell'epoca: http://www.youtube.com/watch?v=fPX5KEwcl8w

http://www.youtube.com/watch?v=7-lcxNHChZI


Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

I Giovani della Lega nazionale

 

 

Vuoi partecipare alle nostre attività? Vuoi collaborare con la Lega nazionale? Ha i voglia di portarci le tue idee, di mettere a frutto le tue capacità?

 

carto3pic

 

Il gruppo Giovani (18 ai 35 anni) si incontra

presso la sede di Via Donota 2

scrivici o chiamaci!